COMPILA IL QUESTIONARIO KEEP IN TOUCH!
Opportunitá
Il Progetto
Il Progetto

Provvedimenti per l'acquisto di nuove macchine utensili - Legge Sabatini

Provvedimenti per l'acquisto di nuove macchine utensili - Legge Sabatini
Legge n. 1329 del 28 novembre 1965
Finalità
Agevolare l'acquisto di nuove macchine utensili.
A chi è rivolta
PMI escluse quelle operanti nei settori pesca, siderurgia, costruzioni navali e trasporto.
Sono sottoposti a particolari restrizioni sull'investimento le attività nei settori della produzione, trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli. Si applica il "de minimis" sui settori automobile e fibre sintetiche.
Forma di agevolazione
Contributi in conto interessi
Iniziative finanziabili
L'agevolazione consiste in un contributo in conto impianti pari al 50% del tasso di riferimento comunitario.

Sono ammissibili gli investimenti avviati successivamente alla data di stipula del contratto di compravendita o di locazione finanziaria, contenente l'espressa previsione della domanda di ammissione all'intervento agevolativo.

In particolare sono ammessi a contributo l'acquisto e la locazione finanziaria di macchine utensili o di produzione di costo complessivo superiore ad € 1.000 (nel costo del macchinario sono comprese, nel limite complessivo del 15% del totale, le spese sostenute per montaggio, collaudo, trasporto ed imballaggio).

I beni devono essere di nuova fabbricazione e funzionalmente collegati all'attività economica svolta nell'unità produttiva che deve risultare regolarmente censita presso la CCIAA. Sono esclusi: beni acquistati per fini dimostrativi, veicoli, imbarcazioni, velivoli iscritti ai Pubblici Registri, macchinari ceduti in comodato e quelli destinati ad essere noleggiati senza operatore.

Sono utilizzabili le seguenti forme:

  • Sabatini Pro-solvendo;
  • Sabatini Pro-soluto;
Sabatini con cambiale diretta (sovvenzione bancaria).
Scadenza
Le domande possono essere presentate in qualsiasi momento (a sportello).
Modalità di presentazione della domanda
L'impresa beneficiaria invia la richiesta di finanziamento/leasing agevolato all'Istituto di credito/Intermediario finanziario che procede alla predisposizione della richiesta di concessione delle agevolazioni ad al suo invio ad Mediocredito Centrale (MCC).
I soggetti richiedenti devono far pervenire (fa fede la data di ricezione/protocollo presso MCC) la richiesta di intervento ad MCC non oltre 12 mesi dalla data di avvio dell'investimento.
Entro i 12 mesi successivi alla data di delibera di concessione dell'agevolazione l'Istituto di credito/Società di leasing dovrà far pervenire a MCC la richiesta di erogazione del contributo. Al fine del rispetto del termine l'impresa dovrà provvedere ad inviare, in tempo utile, all'Istituto di credito/Società di leasing la documentazione finale di spesa.
Il contributo è erogato in unica soluzione, previa attualizzazione, a seguito dell'approvazione della richiesta di erogazione.
I beni agevolati sulla misura non potranno essere alienati, ceduti o distratti o delocalizzati nei 5 anni successivi alla concessione, a meno che detti beni non siano ceduti nell'ambito di operazioni di cessione d'azienda o di ramo d'azienda.
Ulteriori informazioni
 www.incentivi.mcc.it