COMPILA IL QUESTIONARIO KEEP IN TOUCH!
News
News
Assisi
News

Umbria nel Cuore (4)

04-12-2013

A tutti gli amici che gli chiedono perchè ha comprato un casale in Umbria, un ex seccatoio del tabacco che ha ristrutturato in maniera geniale, risponde: “Qui vivo dentro un quadro del Perugino, intorno alla mia casa ci sono tutti i paesaggi riprodotti dal Vannucci nei suoi quadri”. Antonio Lubrano, giornalista napoletano d'assalto (ricorderete tutti la famosa trasmissione “Mi manda Lubrano” che ha aperto la strada alla denuncia dei consumatori), conduttore televisivo e scrittore, pur essendo un uomo di mare ha sempre sognato di ritirarsi in campagna una volta diminuiti gli impegni professionali “Perche mi dà soavità. A Paciano io ritrovo la pace e la serenità, la bellezza della natura ed il silenzio”. Da ragazzo, racconta, era iscritto all'Azione Cattolica e a Natale i ragazzi partivano per Assisi per seguire i corsi “cristologici” di don Giovanni Rossi, fondatore della Pro Civitate Cristiana. Proprio in occasione di quei soggiorni è nato l'amore del giornalista per la terra umbra. “Nel mio stesso palazzo, a Roma, c'era una coppia di Sanfatucchio, una frazione di Castiglione del Lago ed insieme a loro nei week end partivamo per conoscere più a fondo la regione, già con percezione interiore di una ricerca inconscia del “nido” giusto per me e mia moglie”.

Il nido l'hanno trovato in località Po' Petito, guarda caso proprio il vero nome di Pulcinella, un rudere  tutto in pietra da rimettere completamente a posto. “Le pietre sono belle a toccarle” dice con voce velata di passione “danno sensazione di pace e solidità. Non voglio apparire né retorico né romantico ma nelle pietre, a mio avviso c'è lo spirito di ognuno di noi”. A Paciano Lubrano si è sposato con la seconda moglie ed ha invitato tutto il paese, vi presenta i suoi libri (“Da nessuna parte sono state vendute tante copie come a Paciano”), ha piantato gli ulivi, coltiva nell'orto melanzane, zucchine, fave ed aglio. E la sera, quando arriva il vespro, va a trovare i contadini vicini per fare, come un tempo, quattro chiacchiere nell'aia.