COMPILA IL QUESTIONARIO KEEP IN TOUCH!
News
News
Assisi
News

Cosa succede a gennaio?

08-01-2014

Cosa succede a gennaio?

Venanzo Crocetti in mostra alla Pro Civitate Christiana di Assisi

Fino al 30 giugno, presso la Galleria d'Arte Contemporanea, "la forma del racconto, arte e Concilio nel Vaticano II"

In occasione del centenario della nascita e del decennio della morte di Venanzo Crocetti, e nell'ambito delle celebrazioni del 50° del Concilio Vaticano II, la mostra intende presentare uno degli artisti più significativi, sia della storia dell'arte del '900, sia del rapporto tra la Chiesa del Concilio e gli artisti contemporanei. Ma Crocetti è anche un artista importante per la Pro Civitate Christiana, con cui avrà un fecondo rapporto. I primi contatti avvengono negli anni Trenta, quando il maestro Ferruccio Ferrazzi lo presenta a Don Giovanni Rossi, in occasione della Mostra Internazionale d'Arte Sacra a Villa Giulia (Roma). Più tardi, nel 1951, gli viene commissionata dalla Pro Civitate Christiana una scultura sul tema del Gesù Divino Lavoratore. Accettando la commissione, l'autore scrive a Don Giovanni: “La nobiltà del compito e la bellezza del tema, mi spronano a dedicarmi con assoluta volontà e fede in questo religioso lavoro”. Nel 1954 Crocetti realizza la Croce della Passione e i sei Angeli candelieri per il primitivo altare della chiesetta della Cittadella. I rapporti tra la Pro Civitate e l'autore proseguono per vari anni e la Galleria si arricchisce di altre numerose opere in bronzo, tutte esposte in mostra: la Grande Pietà, il San Giovanni Battista, la Deposizione, il bozzetto del San Michele Arcangelo di Aprilia e gli otto studi per la Porta dei Sacramenti di San Pietro in Vaticano; a queste si aggiungono due Madonne con il Bambino in marmo e il grande gesso del Crocifisso del San Leone Magno di Roma. La mostra presenta anche una serie di disegni di grandi e piccole dimensioni, che risultano come studi preparatori per la realizzazione di sculture ma spesso anche come opere in sé compiute.

www.cittadella.org

 

Hermans Festival 2014 a Collescipoli (Tr)

Si apre la XVI edizione dell'Hermans Festival dal 05 gennaio fino a dicembre 2014

Con il concerto di Fabio Ciofini, in programma per domenica 05 gennaio, si apre la XVI edizione dell'Hermans Festival di Collescipoli. Inaugurato nel 1995, il Festival presenta concerti d'organo e di musica antica, eseguiti da organisti di provenienza internazionale. Il repertorio concertistico è costituito da opere sacre scritte per l'organo, essendo stato questo strumento, in passato molto legato alla celebrazione liturgica. Le splendide cornici artistico-architettoniche in cui hanno luogo i concerti, ovvero la Collegiata di S. Maria Maggiore e la Collegiata di S. Nicolò, con i loro preziosi organi restaurati, accrescono la valenza culturale dell'evento, che ha ottenuto il Patrocinio della soprintendenza per i beni ambientali, architettonici, artistici e storici dell'Umbria.

www.hermansfestival.it

 

"Contemporanea 4" mostra a Palazzo Primavera di Terni

Dal 21 dicembre 2013 al 02 febbraio 2014, "wall - paper - objects - robots"

L'Assessorato alla cultura del Comune di Terni ha il piacere di annunciare la mostra Contemporanea 4, curata da Chiara Ronchini e Valentina Gregori, presso gli spazi di Palazzo Primavera. Contemporanea 4 è un insolito progetto espositivo che mette a confronto il linguaggio di tre differenti artisti, con l'esclusiva partecipazione di una nuova realtà ternana che si muove tra arte e tecnologia. Inserirefloppino (Rimini), 108 (Alessandria), Kindergarten (Berlino) e il gruppo Hacklab Terni: i nomi dei protagonisti di Contemporanea 4. 
Un'originale esposizione invade le stanze del palazzo, tracciando un suggestivo percorso, dove ogni artista si muove privilegiandche o un materiale o tecnica rispetto ad altre, pur rimanendo fedele alla stessa linea, lasciando ampia libertà d'immaginazione allo spettatore e allo stesso tempo interagendo con esso.

Contemporanea 4 – Palazzo Primavera 
via Giordano Bruno 3, 05100 Terni
Orari 
Martedì- Domenica 16-19
Sabato 10-13 / 16-19
Lunedì chiuso
Info
0744 402199
Chiara.ronchini@hotmail.it
Valentina_greg@yahoo.it

 

Jazz Club Perugia 2013/2014

Tutti i concerti da novembre 2013 ad aprile 2014

Perugia si scopre città del Jazz anche grazie a questa iniziativa, che da anni vede la partecipazione di centinaia di nostri concittadini alla scoperta di questo genere musicale, sempre piu' valore aggiunto del nostro territorio.
La Stagione Jazz si affianca, infatti, alla settimana di Umbria Jazz e alla edizione invernale di Umbria Jazz Winter.
Otto concerti, sotto la direzione artistica del giovane Manuele Morbidini, tra oratorio Santa Cecilia e l'auditorium del Giò Jazz.
Programma Jazz Club Perugia

 

"Satisfaction" quattro mostre al Caos di Terni

Dal 20 dicembre 2013 al al 17 maggio 2014, quattro artisti, quattro intuizioni, quattro mostre

Gli artisti, tutti italiani e provenienti da differenti regioni, danno voce alle varie tecniche artistiche e linguaggi espressivi della contemporaneità. Il titolo "Satisfaction" sta a sottolineare il percorso di crescita in cui questi artisti sono inscritti, un percorso che fa della 'soddisfazione' un elemento ricorrente. Una nota positiva in un mondo come quello dell'arte contemporanea che produce troppo spesso artisti emergenti di cui si libera con altrettanta velocità. "Satisfaction" è anche un titolo che premia 4 artisti per la cifra espressiva unica, la costanza nel progettare, la conquista di una propria intenzione, un linguaggio riconoscibile, che li rende vincenti. Gli artisti che vedremo protagonisti in "Satisfaction" sono Laura Giardino (Milano), Ester Grossi (Bologna), Andrea Abbatangelo (Terni), Roberto Pugliese (Napoli).

http://caos.museum

 

La festa di Sant'Antonio Abate 2014 in Umbria

Il 17 gennaio si festeggia Sant'Antonio Abate, monaco eremita universalmente noto come taumaturgo, cioè guaritore di malattie terribili e protettore degli animali

Vegliardo dalla lunga barba appoggiato ad un bastone a tau terminante con una campanella, è sempre accompagnato nell'iconografia cristiana dal maialino nero cintato, suo attributo iconografico. L'intercessione del santo sulle fatiche, la laboriosità del contadino, la benedizione del bestiame, del sale e del grano, sono gli aspetti portanti di questa festa con cui inizia ufficialmente il Carnevale.
Il culto di Sant'Antonio, ancora ben radicato nelle campagne umbre, terre di allevamenti, è festeggiato, tra l'11 e il 19 gennaio in molte località della regione.
Concerto in onore di Sant'Antonio Abate sabato 11 gennaio alle 21,15 presso il teatro Comunale di Gubbio.
A Perugia, in corso Bersaglieri, grande festa dedicata al santo il 16 e il 17 gennaio con accensione del focolare con la legna offerta dai borgaroli, benedizione degli animali e del dolcepane e mercato di prodotti dedicati agli animali.
Il 17, 18 e 19 gennaio a Cascia si potrà assistere alla festa delle tradizioni rurali della montagna, alla 38esima Rassegna delle Pasquarelle e alla VI° edizione di "Tradizione, che Passione!" manifestazione dedicata alle tradizioni della civiltà contadina della Valnerina, che si apre con la festa di Sant'Antonio Abate, protettore degli animali, delle fatiche e della laboriosità del contadino.
Il programma prevede la Festa delle tradizioni rurali della montagna: contadini in attività allestiranno le strade di Cascia con “l'aia e lu pajaru”; ci sarà un Festival degli antichi mestieri con oltre 20 artigiani (il materassaio, la tessitrice, lo scalpellino, il fabbro, il cantastorie, i poeti a braccio, ecc), sarà allestito “Lu stazzu” (recinto per la mungitura delle pecore), dove i bambini potranno direttamente provare l'emozione di mungere; sono previsti anche i racconti dei nonni e la 38esima Rassegna delle Pasquarelle (canti tradizionali di augurio e questua), le passeggiate a dorso d'asinello per i bambini, il ballo tradizionale delle Pupazze (fantocci imbottiti di fuochi d'artificio). Saranno, inoltre, presentati e offerti in degustazione i prodotti e i piatti tipici della Valnerina (farro, roveja, lenticchie, polenta, zuppe allo zafferano di Cascia, etc…). 
A Norcia il 17 gennaio dopo la celebrazione della messa presso il monastero delle monache benedettine di Sant'Antonio Abate, i pastori con i loro animali bardati a festa sfilano per la città.
Il 19 gennaio festa grande anche a Santa Maria degli Angeli ove nella piazza della basilica, antica stazione per il cambio dei cavalli, dopo una grande parata di animali si procederà con la benedizione. Seguirà la messa e la distribuzione del pane benedetto. Nei ristoranti cittadini sarà preparato il tradizionale Piatto di sant'Antonio a base di rigatoni, carne in umido, polpette e salsiccie. La tradizione vuole che ogni partecipante al pranzo porti un dolce per poi scambiarlo con quello degli altri presenti.
Anche a Monteleone di Spoleto il 17 gennaio i legnaioli, dopo aver fatto benedire gli animali lasceranno al parroco il loro carico di legna, che servirà per scaldare la canonica durante il lungo periodo invernale.
A Vallo di Nera il 17 gennaio presso la chiesa di Santa Maria benedizione degli animali e pranzo offerto dai santesi organizzatori della festa a base di agnello al forno.
Domenica 17 gennaio si festeggia anche a Scheggino. Dopo la Messa, sul Sagrato della chiesa di San Nicola o nella Piazza principale, il Parroco del paese benedice tutti gli animali che vengono accompagnati dai rispettivi proprietari. Segue generalmente un piccolo rinfresco o aperitivo offerto a tutti i presenti dai Santesi (organizzatori della manifestazione) nell'Aretta di Sant'Antonio. Segue un pranzo in un ristorante locale dove tradizionalmente partecipano solo uomini, in quell'occasione c'è l'elezione dei Santesi che hanno il compito di organizzare la Festa dell'anno successivo.

A Santa Maria degli Angeli (Pg) la festa del "Piatto di Sant'Antonio"

Domenica 19 gennaio, si celebra Sant'Antonio Abate con una processione, la benedizione degli animali e la distribuzione del pane benedetto

Storia e tradizione della festa
A Santa Maria degli Angeli, via di transito dei postiglioni postali tra Firenze e Roma, vi era la stazione per il cambio dei cavalli. Dopo il 1860 scoppiò una grave epidemia, che colpì in modo particolare i cavalli di dette scuderie. I padroni preoccupati, si rivolsero fiduciosi a Sant'Antonio Abate, protettore delle bestie, pregando i religiosi della Porziuncola di fare un triduo in onore del Santo, di cui in quei giorni ricorreva la festa. 
Ottenuta la grazia con la fine del morbo e scongiurato il pericolo della morte dei cavalli, in ringraziamento al Santo fu celebrata con grande solennità quell'anno la sua festa, fu fatta la processione per le vie del paese e fu distribuito un pranzo ai poveri, che prese la denominazione di "Piatto di Sant'Antonio".
www.prolocosantamariadegliangeli.com

 

Risate e Risotti 2014 nell'Orvietano (Tr)

Nei mesi di gennaio, febbraio, marzo e aprile torna la rassegna comico-gastronomica che proporrà serate all'insegna del gusto e del cabaret

Torna dal 28 gennaio al 1 aprile la kermesse comico-culinaria che lega l'evento gastronomico con un prodotto italiano d'eccellenza, il riso, al sano e spensierato umorismo dell'altrettanto caratteristica comicità italiana. 
Comicità e degustazioni DOC nel programma che prende spunto da quanto già proposto negli anni precedenti. L'idea si basa sulla possibilità di fare del riso, in tutte le sue varianti, il protagonista di serate speciali. Alla proposta enogastronomica viene associata per ogni appuntamento una performance cabarettistica di qualità. 
L'evento attraverserà l'Italia portando i sapori locali non solo ad Orvieto ma anche ad Agerola, Altavilla Vicentina, Bergamo, Lucignano, Montevarchi e Praiano, oltre che a Baschi, Montefiascone e Parrano. 
Tra gli appuntamenti anche un corso di cucina venerdì 8 febbraio, al Palazzo del Gusto con lo chef Marcello Valentino.
Ogni serata sarà presentato poi come sempre un menù diverso ma rigorosamente a base di riso suggerito e preparato dallo chef ospite affiancato dallo chef locale, che creeranno così un menù unico a quattro mani, accompagnati dalle esibizioni dei comici di Area Zelig e Colorado Cafè, particolarmente apprezzati dal pubblico. Ai fornelli, tra i professionisti che hanno animato le precedenti edizioni ci sono Gabriele Ferron, Maurizio di Mario, Velia De Angelis, Sergio Maria Teutonico, Pino Lavarra, Francesco Abbatepaolo, Antonio Villani, Emanuele Traverso, Paolo Trippini.

Gli appuntamenti a Orvieto e nell'Orvietano sono nei giorni:
sabato 9 febbraio - venerdì 15 febbraio - sabato 23 febbraio - giovedì 28 febbraio - venerdì 8 marzo - venerdì 22 marzo
Per informazioni:
www.risaterisotti.it