COMPILA IL QUESTIONARIO KEEP IN TOUCH!
News
News
Gualdo Tadino
News

Fiera dei Morti, non rinunciare alla tradizione

29-10-2012

Fiera dei Morti, non rinunciare alla tradizione

Dal 1 al 5 Novembre torna, nell'attuale collocazione di Pian di Massiano – PG, la centenaria “Fiera dei Morti”, crocevia di mercanti, cultura, tradizione ed opportunità come ormai dal lontanissimo 1260.

 

Stupirà sapere, infatti, che così antichi sono i natali di una manifestazione tanto viva, festosa, attuale.

Ma un occhio più attento percepirà che nulla è cambiato rispetto allo spirito con cui centinaia di anni fa questa fiera nacque, in quel di Perugia, città medievale di rilevante importanza commerciale, in quanto ubicata lungo la strada che dalla ricca Firenze conduceva a Foligno ed Ancona, parallelamente all'antica via Flaminia.

 

La fiera, alle sue origini, era denominata “Fiera di Ognissanti” per la collocazione temporale, immutata nei secoli, durante la quale veniva organizzata, pur protraendosi anche per un intero mese.

Il periodo scelto non era casuale, poiché in essa venivano commerciati bestiame e prodotti agricoli, risorse vitali in vista dei rigori dell'inverno.

 

In un'epoca priva dei più moderni e rapidi mezzi di comunicazione, essa rappresentava un preziosissimo evento in cui i mercanti provenienti da altre regioni potevano presentare prodotti  nuovi o irreperibili sul mercato locale, allargando i confini non solo economici, ma anche culturali della società urbana perugina.

 

Dell'epoca rimangono addirittura documenti inviati formalmente dal comune umbro a città come Firenze, Siena, Cortona..

 

Notevole similitudine con la fiera moderna è la constatazione che sia in epoca medievale che in quella rinascimentale, accanto all'area prettamente dedicata allo scambio di merci, ve ne era una riservata ad antichi giochi come la caccia al toro, la corsa dell'anello, del palio o della quintana. Negli ultimi decenni, infatti, si sono sostituiti, a giochi più tradizionali o attività circensi, i cosiddetti “baracconi”, moderno Luna Park che sosta nell'area di Pian di Massiano per tutto il mese di Ottobre fino ai primi giorni di Novembre.

 

Spostatasi nel'arco dei secoli dal Rione di Porta San Pietro, alla Piazza d'Armi, al Campo Boario di Borghetto di Prepo fino ad occupare il centralissimo Corso Vannucci, oggi è la moderna area/parcheggio di Pian di Massiano, punto di partenza dei binari del Minimetrò, ad ospitare questa manifestazione irrinunciabile per tutti i perugini e per quanti amano perdersi fra più di 500 stand di una Fiera divenuta “dei Morti”quasi ad attenuare con la festosità di un grande mercato la malinconia dell'assenza.