COMPILA IL QUESTIONARIO KEEP IN TOUCH!
News
News
Gualdo Tadino
News

Umbria nel Cuore (1)

02-08-2013

Filippa Lagerback, la show girl svedese che adora l'Umbria di Anna Lia Sabelli Fioretti

 

Filippa Lagerback, modella e show girl svedese conduttrice di “That's Italia” su La7, nonché da anni assistente di Fabio Fazio in “Che tempo che fa” ha da nove anni un “legame di vita” con l'Umbria.

L'incontro di questa bella ragazza di Stoccolma alta, bionda, solare e trasparente come i suoi occhi, con la nostra regione è tutto da raccontare.

“Volevo diventare a tutti i costi una top model per cui, finita la scuola, a 18 anni, ho lasciato Svezia per trasferirmi a Milano, capitale della moda. Da lì non mi sono più mossa perché oltre al lavoro ho trovato l'amore, mio marito Daniele Bossari (conduttore radiofonico e televisivo di successo) e sono rimasta incinta. Nove anni fa, d'estate, appesantita dal pancione insieme a Daniele ho cominciato a girare per trovare un posto dove aspettare Stella in tranquillità e al fresco. Mi hanno portato a Milano Marittima da dove sono fuggita immediatamente, con tutta quella folla, quei palazzoni… Un amico umbro ci ha consigliato Città di Castello, così abbiamo affittato una casa dove mi sono subito trovata a mio agio. Per i controlli medici andavo all'ospedale di Città di Castello. Anche lì una meraviglia, tanto che ho deciso di non tornare più a Milano per partorire. Stella è nata tifernate ed ha avuto un inizio di vita magnifica, dormendo pacifica sotto le stelle del cielo umbro. L'anno dopo abbiamo cominciato a cercare casa ed ora ne abbiamo comprata una, piccolina, in cima ad una collina che guarda Città di Castello, dove ascoltiamo incantati i suoni della natura, i gufi, le cicale, gli usignoli e dove mi sento protetta”.

Per due-tre mesi all'anno Filippa, Daniele e Stella diventano umbri con orgoglio “perché” spiega la show girl “l'Umbria offre tutto quello che amiamo: la natura, il paesaggio, la cultura, la tranquillità. Qui noi ricarichiamo le batteria. I nostri soggiorni sono pigri, sono fatti di cenette con gli amici, pochi, e di passeggiate, tante. Di buon cibo genuino. Di visite ai borghi. Noi in Umbria ci sentiamo liberi di essere noi stessi, non sopportiamo il gossip e i posti di moda. E sembra incredibile ma è vero, sono gli umbri stessi a proteggere la nostra privacy”.