COMPILA IL QUESTIONARIO KEEP IN TOUCH!
News
News
Assisi
News

Umbria nel Cuore (2)

13-09-2013

Due famosi calciatori raccontano la storia che li lega a Perugia di Anna Lia Sabelli Fioretti

 

Marco Materazzi e Ilario Castagner hanno molte cose in comune, pur non avendo la stessa età.  Entrambi sono stati giocatori di calcio. Materazzi, difensore centrale, è stato anche campione del mondo, Castagner ha guidato da allenatore il  “Perugia dei miracoli” periodo in cui si sono incontrati nella stessa squadra.  Tutti e due vivono a Perugia, entrambi hanno sposato una ragazza perugina conosciuta grazie al ballo, i loro figli sono cresciuti e vivono nel capoluogo umbro che amano moltissimo e in qualche modo sia Marco e sia Ilario hanno legato il futuro alle scarpe.

“Sono arrivato a Perugia nel luglio del 1961, 52 anni fa” racconta Ilario Castagner che oggi fa il commentatore sportivo “Giocavo nel Perugia e mia moglie era una grande tifosa. Mi vide per il Corso e disse alle amiche: “Domani lo conoscerò, poi ci fidanzeremo e fra due anni lo sposerò”.Ha fatto tutto lei. Fece in modo che io fossi invitato ad una festicciola in casa, come andavano allora, e anche in modo che tutte le ragazze che invitato a ballare mi dicessero di no, tranne lei. Da lì è cominciato tutto”.

“Io ero appena arrivato nel Perugia”  racconta a sua volta Materazzi “ma avevo un allenatore che mi teneva in panchina. Così andavo spesso a passare le serate in discoteca dove ho conosciuto mia moglie Daniela, nipote e figlia dei proprietari dell'Etoile 54”.

Per tutti e due Perugia e l'Umbria sono insostituibili. “L'anno scorso quando ho smesso di giocare” dice Materazzi “sono stato per un po' combattuto dall'idea di rimanere a Milano, città che offre molto e dove avevo avviato un'attività commerciale. Poi è prevalsa in me l'importanza del calore umano che può dare solo una città più piccola, che offre meno però dà affetto e compagnia. Credo di aver fatto la scelta giusta. Voglio che i miei figli crescano in un ambiente controllabile e sano. E siccome ho la passione per le snickers aprirò a breve anche qui un store”. Anche Castagner considera la scelta fatta, quella giusta, “di meglio non avrei potuto sperare. Mi sono inserito subito nella città”. E le scarpe? Patron Ilario ha aperto in centro per uno dei suoi figli un negozio molto elegante proprio di calzature.